Novità 01/09/2005: Da oggi troverete in libreria, la Legione "M" Guardia del Duce.
 .::HOME PAGE::.
  La Guardia del Duce
La Legione nella Rsi
Lo Stato Maggiore
I Comandanti
Ufficiali
S.Ufficiali
Legionari
Luoghi
Caduti
Medaglie
 
Archivio Fotografico
Archivio Memorialistica
Archivio Documenti
 
Vita nella Rsi
 
  DOWNLOADS
Canti Ed Inni D'Epoca
Video
 
Curiosità, francobolli
Recensioni Libri
Forum
Bibliografia
aggiornato il: 09/10/2005

I NOSTRI CADUTI

Milite

Frigerio Silvano

anni 18

    
Rientrando da Salò (Brescia). Presso la propria abitazione di Monza, venne assassinato con un colpo alla nuca mentre era in attesa del tram in via Stefano da Seregno. Dallo zaino venne prelevato il portafogli poi svuotato dei pochi soldi corrispondenti alla decade appena percepita. Spirò nelle mani dei Monaci Olivetani dove fu trasportato in punto di morte. I due "eroici assassini" si dileguarono indisturbati in bicicletta con il loro magro bottino.  
   26 aprile 1945 
    
    
    

Milite Scelto

Lanzani Corrado

    
Nei pressi di Gropparello (Piacenza). Catturato e torturato dai guerriglieri. Gli fecero ingoiare le "M" rosse chiedendogli di rinnegare la sua fede politica. Il graduato rispose che con le "M" rosse dentro di se' avrebbe affrontato la morte con più coraggio. Allora fu legato per i piedi ad un camion e trascinato, fin quando il suo corpo, oramai straziato, spirò.  
   24 settembre 1944 
    
    
    

Capo Squadra

Giunchi Livio

anni 30

    
Nato a Bertinoro (Forlì). Alle ore 22 viene assasinato, nella sua città natale, mentre tornava in famiglia. Con lui perde la vita il reggente del fascio locale, Renato Cortesi.  
   30 aprile 1944 
    
    
    

Milite

Albaro Raffaele

anni 16

    
Rovato (Brescia). E' il più giovane caduto della Legione "M" Guardia del Duce.  
   13 giugno 1944 
    
    
    

Milite

Greppi Nello

    
Tirano (Sondrio), Strada statale 38. "...Mentre l'aria si riempiva di sibili e di esplosioni un Legionario M, impugnato il mitragliatore, si portò in mezzo al viale e, come fuori di sè, cominciò a tirare contro la montagna gridando; Venite fuori, vigliacchi; fatevi vedere, fatevi vedere. Venne colpito da una prima pallottola al ventre. Ma lui continuò a urlare e a sparare. Ci vollero un secondo e un terzo proiettile per farlo crollare."  
   27 aprile 1945 
    
    
    

Milite

Guidi Libero

    
Tirano (Sondrio), Strada statale 38. "...Tutto il plotone fu allineato e inquadrato, quando il viale venne spazzato da un'altra, terribile sventagliata di pallottole. Un Legionario cadde a terra come un sasso accanto al marciapiede; era morto sul colpo un proiettile gli aveva trapassato il cranio."  
   27 aprile 1945 
    
    
    

Milite

Giansoldati Luciano

anni 21

    
Fidenza (Parma) , loc. Ca' de Passeri . Facente parte di una pattuglia operativa nella zona del fiume Stirone, cadeva colpito a morte per mano di ribelli. Con lui persero la vita, lo Sq. Astari Sergio e Giornelli Ferruccio entrambi facenti parte della 37a. B.N. di Parma. Da segnalare che nella triste occasione i ribelli riuscirono a catturare i Leg. Canali Dario, Casadei Raffaele e Lanzani Corrado. I primi 2 liberi in seguito a scambio di prigionieri, il Leg. Lanzani trattenuto venne poi torturato.  
   24 settembre 1944 
    
    
    

Milite

Beltrami Romano

anni 16

    
Correggio, Villa S. Martino (Reggio Emilia). Una pattuglia della Guardia Nazionale Repubblicana venne inviata in servizio d'ordine, in località Ponte Nuovo di Santa Croce, sulla strada Correggio-Carpi, per controllare su di un furto che dei partigiani della zona avevano effettuato qualche giorno prima. A causa di una delazione, ( era stato comunicato l'itinerario che avrebbe compiuto la pattuglia dei giovani repubblicani ), i partigiani ebbero la possibilità di preparare al meglio l'imboscata. Beltrami raggiunse la zona con una squadra di 4 uomini, quando all'improvviso vennero circondati da soverchianti forze "ribelli" che, in breve tempo li catturarono e li uccisero con cinica freddezza. Erano le 14, 30 di quel pomeriggio, con lui quel giorno persero la vita: Allegretti Carlo (17), Cipolli Stelio (38), Schiatti Dante (17).  
   19 novembre 1944 
    
    
    

Milite

Rimbocchi Renzo

    
Fidenza (Parma) , loc. Ca' de Passeri . Uditi colpi di mortaio in direzione di Salsomaggiore, una aliquota di Legionari comandata dal Ten. Franco Aulicino si dirige in zona. Dopo aver incontrato il Leg. Garancini ferito alla bocca, vengono informati che in zona Cà de Passeri una pattuglia era stata attaccata da un gruppo di ribelli e che vi erano morti e feriti. Presi sotto il tiro di numerose armi automatiche e impossibilitati nel raggiungere i feriti si dovette aspettare l'intervento di carri armati Tedeschi per risolvere la situazione. Renzo Rimbocchi morì 3 giorni dopo per le ferite riportate in questo durissimo scontro.  
   27 settembre 1944 
    
    
    

LA SCHEDA E' IN LAVORAZIONE

 

Se vuoi contattarmi: Marco Carducci
Responsabilità...........Contatta il Webmaster
  La Repubblica Sociale Italiana
G.N.R
Esercito
Marina
Aeronautica
 
  Lo Stato
Formazione
Leggi e Decreti
Questure
Il territorio
 
I Documenti
 
Uniformi della Rsi
 
Militaria, forum
Editori
Librerie
Links